www.saverioluzzi.it è il blog di Saverio Luzzi. .


2015.05.08 — Ordinario razzismo contro i rom

Dimensioni testo

Se ancora c’è qualche persona poco intelligente che non crede che l’Italia sia un paese razzista, questo articolo pubblicato da Salvo Palazzolo su “la Repubblica – Palermo” provvederà a fargli cambiare idea.


Vittima del razzismo becero di alcuni agenti di polizia – manco a dirlo – è un ragazzo rom, Luca Milhancovic. Per merito del pubblico ministero, Maurizio Bonaccorso, e del questore Guido Longo, cui va la stima di tutti, l’inganno è stato smascherato.

Da http://palermo.repubblica.it/hermes/inbox/2015/05/06/news/zen_sparatoria_inventata_dai_poliziotti-113679456/


La sparatoria dello Zen fu inventata dai poliziotti

La procura scagiona il rom arrestato il 16 marzo alla fine di un fantomatico inseguimento: «Va scarcerato» Un ispettore e un’assistente capo della Lungaro indagati per calunnia, simulazione e procurato allarme

di Salvo Palazzolo


Un giovane rom è in carcere da 50 giorni per una sparatoria che non c’è mai stata. E› una storia incredibile, questa. Il pomeriggio del 16 marzo, due poliziotti fanno scattare un allarme via radio: «Stiamo inseguendo un’auto allo Zen 2 – urlano – ci stanno sparando». Parte una colossale caccia all’uomo, e alla fine viene arrestato quel giovane rom che vedendo la polizia si è dato alla fuga in modo rocambolesco a bordo di un’auto rubata. Ma il racconto dei due poliziotti non convince gli investigatori della squadra mobile. Sin dall’inizio. Gli stessi dubbi ha il pubblico ministero Maurizio Bonaccorso. E anche il questore Guido Longo non ci vede chiaro, quella sera va allo Zen e da vecchio investigatore si rende subito conto che quella è una storia tutta da approfondire. Nonostante un proiettile conficcato sul cofano dell’auto della polizia. Nonostante una ferita di striscio riportata da uno degli agenti.

Adesso, a sorpresa, arriva la svolta. Secondo la procura e la mobile, i due poliziotti si sono inventati tutto. Non è ancora chiaro il perché. Ma, intanto, il pm Bonaccorso ha chiesto al gip di scagionare il rom. E ha indagato i protagonisti del giallo, un ispettore e una assistente capo in servizio all’armeria della caserma Lungaro. Devono difendersi da accuse pesanti: calunnia, simulazione di reato, falso, procurato allarme, danneggiamento.

Questa storia è un vero giallo, che ha alimentato un’indagine molto particolare. I primi dubbi sono diventati sospetti quando alla mobile hanno provato a mettere insieme tutti i tasselli di un pomeriggio convulso. Bisognava individuare tre persone in fuga, sulla Hyundai Atos segnalata dalla pattuglia. Bisognava scovare chi li aveva aiutati, i poliziotti parlavano infatti di una fuga dentro i padiglioni dello Zen 2. Così, gli investigatori hanno ripercorso tutta la storia dell’inseguimento, hanno acquisito i filmati di una telecamera che riprende la strada a ridosso del parcheggio del centro commerciale Conca d’Oro. Poi, sono entrati in azione anche gli esperti della Scientifica, che attraverso un proiettile ritrovato in via Rocky Marciano hanno cercato di risalire all’arma utilizzata per sparare ai loro colleghi. Nel giro di pochi giorni, tutti gli accertamenti sono finiti sulla scrivania del pm Maurizio Bonaccorso. E presto l’indagine sui malviventi che volevano uccidere due poliziotti si è trasformata nell’indagine sui poliziotti. Davvero una svolta a sorpresa. Una svolta drammatica.

Una prova, su tutte, sembrerebbe smentire la ricostruzione dell’ispettore e della sua collega, che ufficialmente in quel momento erano di ritorno in caserma dopo aver fatto sistemare alcune radio in un laboratorio a Tommaso Natale. E› la telecamera piazzata nel parcheggio del Conca d’oro la prova principe dell’accusa: riprende via Scordia, dove secondo gli agenti è iniziato l’inseguimento. La telecamera immortala l’auto della polizia che procede ad andatura regolare. Prima, non c’è alcuna auto che fugge.

Ore 18,24: è il momento dell’allarme. Sembra che sia un orario incompatibile con le riprese della telecamera. La procura e la polizia vogliono andare a fondo alla storia. Sono state acquisite anche le registrazioni delle comunicazioni con la centrale. Intanto, sono arrivati anche i risultati della balistica: il colpo sparato contro l’auto è stato esploso non da 40 metri, come dicono i poliziotti indagati, ma da cinque metri. Manca ancora il movente. Perché due stimati poliziotti avrebbero dovuto mettere in scena una falsa sparatoria? Per un aumento di stipendio? Per gloria? L’unica certezza al momento è la richiesta della procura di scagionare il ventiduenne Luca Milhancovic, in cella per tentato omicidio, resistenza e ricettazione.

Saverio Luzzi e…

Percorso

La canzone del mese

Contattami via e-mail

Per commenti o informazioni speditemi una e-mail attraverso questo form. Grazie.

Policy

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Esso non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7 marzo 2001.

Saverio Luzzi non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog, che se ne assumono la completa responsabilità.

Saverio Luzzi cancellerà senza alcun preavviso ogni commento da lui ritenuto fascista, offensivo, razzista, lesivo dell’immagine e/o dell’onorabilità di terzi. Allo stesso modo saranno eliminati commenti contenenti spam, pubblicità in forma palese o occulta e dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy.

Saverio Luzzi si riserva inoltre la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.

Saverio Luzzi non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.